Indice del forum
Indice del forumFAQCercaRegistratiLog in

Innesto per approssimazione
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Gli innesti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Lun Ott 16, 2017 11:35 pm    Oggetto: Ads

Top
fisto61
Moderatore
Moderatore


Registrato: 03/09/05 10:02
Messaggi: 2178
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Dom Dic 11, 2005 12:48 am    Oggetto: Innesto per approssimazione Rispondi citando

L'innesto per approssimazione è forse quello più usato nell'ambito del bonsai. Possiamo usare sia l'autoinnesto, approssimando un ramo della stessa pianta oppure approssimando un ramo (o una radice) di una seconda pianta.

Tecnicamente funziona così:
il ramo che intendiamo innestare (marza) va leggermente decorticato nella parte che più correttamente riusciamo a far aderire alla pianta ricevente (portainnesto).
Sul portainesto faremo anche qui una decorticazione che metta allo scoperto il cambio (toglieremo quindi tutta la corteccia sino al legno) delle dimensioni tali da accogliere la nostra marza. Dopo di che legheremo strettamente, posizionando nella maniera più corretta il nostro nuovo ramo o la nostra nuova radice, alla fine copriremo il tutto con pasta cicatrizzante.
Naturalmente controlleremo lo sviluppo del nostro innesto e quando comincerà ad ingrossarsi il callo cicatriziale, taglieremo il filo che legava l'innesto senza però asportarlo: si staccherà da solo col tempo
Top
Profilo Invia messaggio privato
MarcoA
Site Admin


Registrato: 04/08/05 03:16
Messaggi: 1404
Residenza: Pordenone

MessaggioInviato: Lun Dic 12, 2005 2:07 pm    Oggetto: Rispondi citando

Innestare per approssimazione significa quindi avvicinare (dopo opportuna decorticazione) due rami od un ramo al tronco in modo che essi siano paralleli.

Costruitremo in questa maniera un nuovo ramo che si diparte dalla marza e che cresce nella stessa direzione. Immagino che la finalità sia quella di piegare poi, a innesto completato, il ramo approssimato con del filo o con un divaricatore, in maniera da ottenere un'inclinazione differente rispetto al primo ramo.

Ci sono delle indicazioni rispetto all'età delle due parti da approssimare?
E riguardo alle dimensioni?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
fisto61
Moderatore
Moderatore


Registrato: 03/09/05 10:02
Messaggi: 2178
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Mar Dic 13, 2005 11:11 am    Oggetto: Rispondi citando

Non ci sono controindicazioni riguardo all'età delle due parti da unire, occorre fare solo attenzione perchè più la pianta-ramo invecchia più la corteccia sarà spessa e quindi il cambio più profondo.
Naturalmente al momento dell'innesto posizioneremo il ramo nella maniera più corretta senza bisogno di filo.
Naturalmente il ramo approssimato andrà tagliato solo quando sarà perfettamente unito nel punto di innesto
Top
Profilo Invia messaggio privato
MarcoA
Site Admin


Registrato: 04/08/05 03:16
Messaggi: 1404
Residenza: Pordenone

MessaggioInviato: Mar Dic 13, 2005 1:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

E' possibile innestare due rami in modo perpendicolare oppure si deve rispettare il senso di scorrimento della linfa?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
fisto61
Moderatore
Moderatore


Registrato: 03/09/05 10:02
Messaggi: 2178
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Mer Dic 14, 2005 10:53 am    Oggetto: Rispondi citando

non ci sono di norma problemi legati alla posizione di innesto, l'unica regola è che i due cambi vengano a contatto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
ARMANDO
Membro esperto
Membro esperto


Registrato: 18/10/06 23:03
Messaggi: 619
Residenza: TARZO (TV)

MessaggioInviato: Sab Nov 11, 2006 11:52 pm    Oggetto: RAMO D'ACERO INNESTATO PER APPROSSIMAZIONE Rispondi citando

Se riesco ad inserire una foto dove si vede la saldatura di un ramo d'acero campestre proveniente dalla stessa pianta, si può notare che è stato possibile innestarlo orizzontalmente per ottenere una branca mancante.
(Niente da fare, con il sistema copia e incolla la foto non appare, pazienza).

_________________
Giardino Museo Bonsai della Serenità
“SEI WA BONSAI EN” Armando e Haina Dal Col
TARZO (TV) 31020 Via Roma, 6 Italy
TEL. +39 0438 587265

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Mail:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
giulietto
Membro assiduo
Membro assiduo


Registrato: 27/11/05 12:43
Messaggi: 419
Residenza: Belluno

MessaggioInviato: Dom Nov 12, 2006 7:23 pm    Oggetto: Re: RAMO D'ACERO INNESTATO PER APPROSSIMAZIONE Rispondi citando

ARMANDO ha scritto:
Se riesco ad inserire una foto dove si vede la saldatura di un ramo d'acero campestre proveniente dalla stessa pianta, si può notare che è stato possibile innestarlo orizzontalmente per ottenere una branca mancante.
(Niente da fare, con il sistema copia e incolla la foto non appare, pazienza).


Se mi mandi la foto per mail te la posto io.
Ciao
Roberto
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
giulietto
Membro assiduo
Membro assiduo


Registrato: 27/11/05 12:43
Messaggi: 419
Residenza: Belluno

MessaggioInviato: Dom Nov 12, 2006 9:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per Armando questo e altro:
eccovi la foto dell'innesto di cui parlava precedentemente


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ciao a tutti
Roberto
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
fisto61
Moderatore
Moderatore


Registrato: 03/09/05 10:02
Messaggi: 2178
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Lun Nov 13, 2006 10:04 am    Oggetto: Rispondi citando

Ottimo!!
L'unica precauzione in fase di innesto, è quella di fare un taglio abbastanza profondo nel tronco affinche, a lavoro finito, le due cortecce risultino allo stesso livello senza scalino (spero di essermi spiegato!?)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Teddy
Membro esperto
Membro esperto


Registrato: 17/09/05 14:34
Messaggi: 911
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Lun Nov 13, 2006 2:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

yesss!! Wink

_________________
L'anima ce l'hai, conta su di lei! Puoi sfidare il mondo adesso...o mai! R.Z
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
ARMANDO
Membro esperto
Membro esperto


Registrato: 18/10/06 23:03
Messaggi: 619
Residenza: TARZO (TV)

MessaggioInviato: Lun Nov 13, 2006 8:36 pm    Oggetto: SI TEDDY, HAI RAGIONE! Rispondi citando

L'innesto per approssimazione ha avuto sicuramente un esito positivo, però c'è qualcosa che "disturba" il risultato finale. Il problema era che quando feci l'innesto avvicinando il rametto sul canale che avevo fatto, dovevo tener conto anche delle zone del cambio di entrambi i "bionti". Il ramo, infatti, era quasi sparito dopo l'inserimento forzato sul canale di contatto e, con la crescita, una parte piuttosto abbondante del ramo è uscita.
Fra non molto, inserirò un nuovo articolo proprio su quest'Acero campestre, ricostruito quasi totalmente con i suoi rametti innestandoli per approssimazione.
Certamente do vrò ricorrere ancora all'aiuto di Roberto (pardon,Giulietto) per farmi inserire le foto.

_________________
Giardino Museo Bonsai della Serenità
“SEI WA BONSAI EN” Armando e Haina Dal Col
TARZO (TV) 31020 Via Roma, 6 Italy
TEL. +39 0438 587265

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Mail:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
fisto61
Moderatore
Moderatore


Registrato: 03/09/05 10:02
Messaggi: 2178
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 10:31 am    Oggetto: Rispondi citando

E' per il motivo che hai citato che ove possibile ritengo più utile l'innesto con il foro passante, da un risultato eccellente quanto a cicatrizzazione[/u]
Top
Profilo Invia messaggio privato
5sirio
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato


Registrato: 11/05/07 07:59
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Ven Mag 11, 2007 2:09 pm    Oggetto: Capitozzatura OLivo - Innesto per approssimazione Rispondi citando

Quest'inverno ho deciso di impostare un bell'esemplare di ulivo a partire da un economica pianta (di 2 mt) con un bellissimo piede.
Capitozzata a 25 cm e lavorata al livello radicale la pianta è stata messa in un vaso basso per iniziare il suo percorso di prebonsai.
In primavera ha incominciato a gettare polloni nella parte bassa mostrando segni di ripresa al drastico intervento. Al fine di non tarpare le ali di una pianta in reinvestimento di nuove energie decisi di lasciarla reagire in pace sperando in più alti germogli.
Tuttavia ad oggi sta cominciando un ritiro di linfa sul tronco che non consentirà diottenere le sperate proporzioni.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Per cercare di salvare il progetto vorrei fare un innesto per approssimazione con un'altra piantina di olivo.
Cosa ne dite di scavare col dremel, pulire l'incisione col bisturi e cercare di compenetrare il più possibile la marza scorticata?
Oppure dovrei solo incidere per 3 cm le due superfici cilindriche e stringerle fra di loro?
Consigli, suggerimenti?


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



GRAZIE Razz
Top
Profilo Invia messaggio privato
giulietto
Membro assiduo
Membro assiduo


Registrato: 27/11/05 12:43
Messaggi: 419
Residenza: Belluno

MessaggioInviato: Ven Mag 11, 2007 2:22 pm    Oggetto: Re: SI TEDDY, HAI RAGIONE! Rispondi citando

ARMANDO ha scritto:
L'innesto per approssimazione ha avuto sicuramente un esito positivo, però c'è qualcosa che "disturba" il risultato finale. Il problema era che quando feci l'innesto avvicinando il rametto sul canale che avevo fatto, dovevo tener conto anche delle zone del cambio di entrambi i "bionti". Il ramo, infatti, era quasi sparito dopo l'inserimento forzato sul canale di contatto e, con la crescita, una parte piuttosto abbondante del ramo è uscita.
Fra non molto, inserirò un nuovo articolo proprio su quest'Acero campestre, ricostruito quasi totalmente con i suoi rametti innestandoli per approssimazione.
Certamente do vrò ricorrere ancora all'aiuto di Roberto (pardon,Giulietto) per farmi inserire le foto.


sempre a disposizione capò!
chiamami genio, tu chiedi e io esaudisco Surprised Surprised Surprised Surprised Surprised
ciao a presto
Roberto
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Re di olea
Membro giovane
Membro giovane


Registrato: 28/03/07 19:35
Messaggi: 124
Residenza: iglesias (CA)

MessaggioInviato: Ven Mag 11, 2007 8:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

il problema degli olivastri come ad esempio il tuo,tendono inizialmente a riccacciare dalla zona rizogena che è sempre la parte piu larga che si trova alla base.prova a grattare il tronco verso la punta,se è verde basterebbe eliminare gradualmente i polloni alla base per indurre la pianta a cacciare verso l'apice.se vuoi usare la tecnica dell'acostamento ti consiglierei di aspettare l'anno prossimo,per una buona riuscita la pianta ricevente deve essere in forze e ben radicata.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Gli innesti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Template zenGarden created by larme d'ange
Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Perm ICRA - Auto ICRA

Page generation time: 0.939