Indice del forum
Indice del forumFAQCercaRegistratiLog in

Innaffiatura a goccia

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Annaffiature
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Ott 20, 2017 5:56 pm    Oggetto: Ads

Top
fisto61
Moderatore
Moderatore


Registrato: 03/09/05 10:02
Messaggi: 2178
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Gio Ago 10, 2006 9:09 am    Oggetto: Innaffiatura a goccia Rispondi citando

in data 11.04.05 MarcoA ha modificato questo post ed ha scritto:

Questo post ha avuto origine da "
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

"
Ho separato le due discussioni perchè questa merita un'attenzione particolare...

Posto anchio l'ultima poi vado al mare per un po'. Come ho già detto non ci sono a mio avviso metodi completamente giusti o completamente sbagliati, riguardo al terreno, alla concimazione e alla bagnatura. Dipende da un sacco di fattori: che terreno ho, che essenza è, l'esposizione, quanto tempo posso dedicare alle mie piante e quante ne ho, che tipo di acqua e la provenienza, ecc. Molto fa l'esperienza, mia suocera ha un olmetto ANLAIDS da 9 anni è vivo e vegeto e lo bagna per immersione da sempre, io ho un impianto a gocciolatori regolabili per differenziare le esigenze singole, un amico preferisce quelli fissi. Poi è logico che se bagno per immersione e lascio a bagno tre ore muore tutto, ma mi muore anche se con il tubo o con l'automatico bagno troppo e male.
Fare queste discussioni è a mio avviso interessante, perchè dà nuovi punti di vista che magari meglio si adattano alle nostre esigenze. Poi come sempre ognuno è libero di fare e pensare come meglio ritiene e magari perorare la propria causa.
Saluti a presto
Top
Profilo Invia messaggio privato
bankon
Membro anziano
Membro anziano


Registrato: 12/08/05 13:58
Messaggi: 1064
Residenza: liguria

MessaggioInviato: Gio Ago 10, 2006 10:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

dai ragazzi su...basta cosi'... Wink
fisto, potresti spiegarmi meglio come funziona il tuo impianto di gocciolamento,indicandomi i materiali, i costi e come funziona.
ciao e grazie Wink

_________________
bankon
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
fisto61
Moderatore
Moderatore


Registrato: 03/09/05 10:02
Messaggi: 2178
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Gio Ago 10, 2006 11:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

Parto dal rubinetto con un timer tipo claber con 15 tipi di programmi
poi ho steso sul bancale il tubo da 16 mm da cui partono con vari raccordi i tubicini da 6mm che termino con gocciolatori regolabili 0-6 lxh fissati con picchetti. nei vasi grandi ho messo gocciolatori a "doccia" che fanno un diametro max di una decina di cm, sempre regolabili.
50 gocciolatori regolabili 14 euro
25 mt di tubo da 16 mm 12 euro
20 mt di tubo da 6 mm 8 euro
raccordi 0,20 euro cad
timer da 30 a 80 euro a seconda delle funzioni
ora irrigo con 3 min ogni sei ore perchè con la pomice se do' tanta acqua velocemente mi drena senza avere il tempo di inumidire.
Nei vasi lunghi con raccordi a T metto due gocciolatori
Top
Profilo Invia messaggio privato
KoalaBear
Membro esperto
Membro esperto


Registrato: 05/08/06 11:04
Messaggi: 612
Residenza: Novara provincia

MessaggioInviato: Ven Ago 11, 2006 12:49 am    Oggetto: Rispondi citando

Bell'impianto fisto61, stavo pensando anch'io a qualcosa di simile e stavo giusto prendendo informazioni almeno per i periodi di assenza che volente o nolente a volte capitano per forza di cose.
Potresti dirmi nel caso di vasi piccoli, come ti regoli? e poi per quello che riguarda la manutenzione, a parte le batterie per il gocciolatore, col calcare, come risolvi? grazie

_________________
Vai dove ti porta il cuore...
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
MarcoA
Site Admin


Registrato: 04/08/05 03:16
Messaggi: 1404
Residenza: Pordenone

MessaggioInviato: Ven Ago 11, 2006 2:37 am    Oggetto: Rispondi citando

Ho paura che fisto sia partito per le vacanze e ci metterà un po' a rispondere.

Ti posso intanto dire quale è la mia esperienza (di molto inferiore a quella di fisto): i vasi piccoli sono più semplici da gestire di quelli grossi perchè di solito è sufficiente regolare solo l'intensità del gocciolatore per inumidire il substrato in maniera soddisfacente. Qualche problema lo da il picchetto che essendo una punta da infilare nel terreno risulta instabile in vasi piccoli.

Il mio metodo per stabilire se il flusso d'acqua va bene in relazione alla dimensione del vaso è il seguente:
Posiziono il gocciolatore più in centro possibile del vaso ed attendo il ciclo di irrigazione.
La mattina successiva infilo un dito nella pomice in corrispondenza dei bordi del vaso e valuto l'umidità. Se non è umido devo aumentare l'erogazione di acqua oppure mettere un secondo ugello. Se lo è per me va bene.

Quanto al mio impianto è realizzato anch'esso con un timer allacciato alla rete idrica. E' meno sofisticato di quello di fisto perchè non mi permette l'irrigazione ogni 6 ore, ma ogni 24 al minimo. Ho sentito dire che ogni 6 ore è meglio. L'acqua in uscita dal timer ha una pressione di due bar circa.

Per il calcare non ho trovato soluzione, ma sto pensando di montare una cartuccia anticalcare prima del timer: ne ho viste nei reparti elettrodomenstici per abbattere il calcare dalle acque in entrata alle lavatrici.

Dal timer parte un tubo da 1/2 pollice (circa 12 mm) che va ad irrigare alcune aiuole. Appena dopo il timer è presente un raccordo con un dosatore automatico di concime, che "condisce" l'acqua di irrigazione.

Subito dopo il dosatore di concime c'è il raccordo col tubo capillare (1/4 di pollice). Alimenta circa una quarantina di ugelli (in parte da 0-6 l/h, in parte 2-6 l/h), in parte dedicati ai bonsai.

Quest'anno ho scoperto dei nebulizzatori in miniatura (come quelli per il prato, ma più piccoli). Ne ho puntato uno su lla parte aerea di un ficus, ma in parte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
fisto61
Moderatore
Moderatore


Registrato: 03/09/05 10:02
Messaggi: 2178
Residenza: Ferrara

MessaggioInviato: Ven Ago 11, 2006 11:38 am    Oggetto: Rispondi citando

Ho ancora un paio d'ore e poi parto, ma siccome piove ho tempo di risponderti.
Il calcare al momento non mi dà problemi, forse la rete non ha una durezza eccessiva come invece i pozzi della nostra zona.
Con i materiali in commercio ora è possibile mettere ad ogni vaso il o i gocciolatori più adeguati. In certi vasi piccoli ho legato il tubo con un filo e l'acqua cade sul tronco e si spande abbastanza uniformemente, poi come ti dico con i gocciolatori regolabili puoi regolarti tu in base alle necessità. Certo è meglio non far partire un impianto 2 giorni prima di andare in ferie, occorre provare e controllare che ogni pianta sia bagnata in maniera corretta e questo spesso lo scopri solo dopo un po di tempo valutando la crescita della pianta stessa.
Altra manutenzione non ne faccio salvo svuotare bene prima dell'inverno e controllare che niente entri nel tubo di mandata, per evitare ostruzioni
Se si bagna come me anche nelle ore più calde evitare che il tubo di mandata sia esposto al sole: essendo nero l'acqua al suo interno va a temperature improponibili. Ed eviterei, salvo avere acqua molto tenera, di bagnare le foglie con i nebulizzatori tipo prato, potrebbero avere problemi col sole o con il calcare in accumulo sulle foglie.
Anche se effettivamente riuscire a irrorare tutta la superfice del vaso aiuterebbe il muschio, ma occorre a mio avviso un impianto fatto veramente bene.
Quanto ad altri supporti: eviterei i dispenser per il concime, ma un anticalcare magari di tipo magnetico penso vada bene, meno le cartuccie che potrebbero avere qualche sale al loro interno
Top
Profilo Invia messaggio privato
MarcoA
Site Admin


Registrato: 04/08/05 03:16
Messaggi: 1404
Residenza: Pordenone

MessaggioInviato: Ven Ago 11, 2006 1:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

fisto61 ha scritto:

Altra manutenzione non ne faccio salvo svuotare bene prima dell'inverno e controllare che niente entri nel tubo di mandata, per evitare ostruzioni

A questo proposito segnalo che esistono dei componenti che risolvono i problemi qui sopra:
- Per lo svuotamento del tubo c'è una valvola apposita che quando manca la pressione (quando l'impianto finisce il ciclo) si apre: se posta nel punto più basso scarica tutta l'acqua dei tubi. Si monta su tubo da 1/2 pollice.
- Per evitare che qualcosa entri nel tubo esistono dei filtri. Tuttavia con l'acqua di rete non sono necessari, mentre sono importanti se nel circuito entra acqua prelevata da pozzi, sebatoi o corsi d'acqua (anche se è decantata.)
fisto61 ha scritto:

Ed eviterei, salvo avere acqua molto tenera, di bagnare le foglie con i nebulizzatori tipo prato, potrebbero avere problemi col sole o con il calcare in accumulo sulle foglie.
Anche se effettivamente riuscire a irrorare tutta la superfice del vaso aiuterebbe il muschio, ma occorre a mio avviso un impianto fatto veramente bene.

E' stata un'aggiunta dell'ultim'ora, e non avevo pensato al calcare sulle foglie.
Più che per il mischio avevo pensato ai ficus che amano "fare la doccia".
fisto61 ha scritto:

Quanto ad altri supporti: eviterei i dispenser per il concime, ma un anticalcare magari di tipo magnetico penso vada bene, meno le cartuccie che potrebbero avere qualche sale al loro interno

Perchè no ai dispenser di concime? Personalmente mi ci trovo bene.
Le cartucce x il calcare che agiscono per via chimica scambiano i sali di calcare con dell'altro. Ad esempio nell'impiantistica industriale la "cartuccia", che è molto grande, è a base di cloruro di sodio ed il calcare (carbonato di calcio) diventa carbonato di sodio, che è solubile.
Le percentuali nell'acqua di rete sono molto basse e non dovrebbero comportare problemi. Il dubbio è che però non so cosa contengano le cartuccie.

Gli addolcitori per via magnetica come funzionano? Dove li hai visti? Dove si comprano?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
KoalaBear
Membro esperto
Membro esperto


Registrato: 05/08/06 11:04
Messaggi: 612
Residenza: Novara provincia

MessaggioInviato: Ven Ago 11, 2006 4:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie per le risposte, molto dettagliate.
Quello che intendevo per problema calcare era non solo rivolto al calcare che può raggiungere la pianta con le relative conseguenze, ma all'impianto di per se stesso. Da quello che so alla lunga si potrebbero intasare gli ugelli o le pompe se ce ne sono e anche le tubature, il rischio in caso di assenza prolungata potrebbe rivelarsi non indifferente.
Oltre all'impianto di gocciolamento forse sarebbe il caso, se l'acqua che usiamo è particolarmente pesante, adottare anche un impianto per filtraggio osmotico. Mi stavo informando anche a questo riguardo in passato ma poi ho abbandonato perchè dei tests che ho fatto sulla mia acqua lo hanno vanificato ma ancora non so se potermi fidare di un impianto di gocciolamento.
Voi vi trovate bene e lo considerate affidabile?
Se li trovo vi posterò poi i link che avevo visionato per gli impianti di filtraggio anche grazie all'aiuto di un amiko molto pratico di queste cose Wink

_________________
Vai dove ti porta il cuore...
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
MarcoA
Site Admin


Registrato: 04/08/05 03:16
Messaggi: 1404
Residenza: Pordenone

MessaggioInviato: Dom Ago 13, 2006 3:44 am    Oggetto: Rispondi citando

KoalaBear ha scritto:
Grazie per le risposte, molto dettagliate.
Quello che intendevo per problema calcare era non solo rivolto al calcare che può raggiungere la pianta con le relative conseguenze, ma all'impianto di per se stesso. Da quello che so alla lunga si potrebbero intasare gli ugelli o le pompe se ce ne sono e anche le tubature, il rischio in caso di assenza prolungata potrebbe rivelarsi non indifferente.

E' possibile sopratutto con acque dure e con esposizione di parti dell' impianto al sole. Ques'anno nel verificare il mio impianto prima dell'avviamento, ho consatatto che dopo la scorsa estate di esecizio non ne mostrava segni.
Nel dubbio un motivo in più per trovare assieme una buona soluzione. Very Happy
KoalaBear ha scritto:
Oltre all'impianto di gocciolamento forse sarebbe il caso, se l'acqua che usiamo è particolarmente pesante, adottare anche un impianto per filtraggio osmotico.

Non ne ho mai provato uno e non so dire se efficaci o meno. Posso però mettere a disposizione la mia esperienza di impiantistica industriale per descriverne il funzionamento.

In parole povere l'impianto ad osmosi è formato da un contenitore diviso in due camere da un "setto poroso". Il setto poroso è una membrana con pori di una data dimensione attarverso il quale passano tutte le molecole piccole. Le molecole grandi restano intrappolate. L'acqua è una "molecola piccola", il carbonato di calcio è "una molecola grande", pertanto non può passare.
Se colleghiamo la prima delle due camere all'acquedotto e l'altra ad alimentare l'impianto di casa otteniamo che la pressione della rete idrica "obbilga" le molecole di acqua a permeare il setto poroso, mentre il calcare che non può passare resta intrappolato: ecco decalcificata l'acqua.

Questo tipo di impianti lavora "in discontinuo" ovvero ha bisogno di essere ripunito quando la concentrazione dei sali intrappolati sale oltre ad un certo limite (essi intasano letteralmente il setto poroso, impedendo alle molecole d'acqua di passare). La pulizia si effettua facendo percorrere ad una piccola quantità di acqua il percorso inverso ed in questo lasso di tempo non vi si può depurare l'acqua
Se un impianto lavora "in continuo" è segno che possiede diverse colonne (colonna è il nome tecnico del contenitore che contiene il setto poroso) che si alternano e per questo costa di più.

C'è da stare attenti che il processo non formi incrostazioni calcaree sul setto poroso (cosa che ritengo assai probabile), perchè la sostituzione del setto poroso potrebbe essere dispendiosa, sopratutto se frequente.

KoalaBear ha scritto:
Mi stavo informando anche a questo riguardo in passato ma poi ho abbandonato perchè dei tests che ho fatto sulla mia acqua lo hanno vanificato ma ancora non so se potermi fidare di un impianto di gocciolamento.
Voi vi trovate bene e lo considerate affidabile?

Intendi se ci si trova bene con l'impianto a goccia? Si lo trovo una buona soluzione, con i suoi punti di forza ed i suoi limiti:
- E' discretamente affidabile: come ogni "macchina" può avere guasti o malfunzionamenti, ma un buon periodo di osservazione e regolazione ci da una buona sicurezza.
- E' un ottimo sostituto per quando si va in ferie o per quando si ha un impegno.
- Libera del tempo che può essere dedicato ad altri aspetti del nostro hobby.
- Consente di bagnare molte piante
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
KoalaBear
Membro esperto
Membro esperto


Registrato: 05/08/06 11:04
Messaggi: 612
Residenza: Novara provincia

MessaggioInviato: Dom Ago 13, 2006 12:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Avevo parlato di un link ma non sono riuscito a trovarlo, dovrò aspettare che rientri un amico dalle ferie per farmelo ridare, poi lo manderò prima in pvt a MarcoA perchè non so se si può pubblicare essendo un link commerciale, deciderà lui.
In questo link c'erano degli impiantini osmotici abbastanza economici, da circa €50 in su, che praticamente generavano due tipi di acqua, una osmotica, quindi purificata e una di scarto. Anche in questi casi le membrane richiedono manutenzioni naturalmente. L'unico problema che si potrebbe creare è che in alcuni casi diventa necessaria un pompa ausiliare che tende a levitare considerevolmente i costi visto che le pompe solitamente costano più degli impianti di filtraggio stessi.

_________________
Vai dove ti porta il cuore...
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
MarcoA
Site Admin


Registrato: 04/08/05 03:16
Messaggi: 1404
Residenza: Pordenone

MessaggioInviato: Dom Ago 13, 2006 4:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

Quanto al link ritengo che tu possa inserirlo perchè non lo fai a fini commerciali ma di condivisione dell'informazione.

Riguardo alla pompa (in linguaggio tecnico è una pompa di rilancio) avevo infatti omesso per semplicità che l'azione di permeare il setto poroso assorbe una grande quantità di energia che in questo caso si manifesta sottoforma di pressione idrostatica. L'acqua in uscita quindi ha una pressione notevolmente più bassa di quella della rete idrica e ci vuole una pompa per ripristinarla.

C'è da provare quanti ugelli a goccia possono essere alimentati dalla pressione in uscita da questo impiantino (i 2 bar che entrano nel mio impianto servono più che altro ad alimentare dei tubi porosi da 1/2 pollice sotterrati che innaffiano l'aiuola delle piante aromatiche e quella delle piante da fiore, di per se gli ugelli non hanno grandi esigenze).

Appena recuperi il link vediamo se fa al caso nostro.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
bankon
Membro anziano
Membro anziano


Registrato: 12/08/05 13:58
Messaggi: 1064
Residenza: liguria

MessaggioInviato: Dom Ago 13, 2006 4:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

vi ringrazio tantissimo per tutte le informazioni che mi avete dato.
ora mi stampo il tutto e lo conservo.
grazie ancora Very Happy

_________________
bankon
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
KoalaBear
Membro esperto
Membro esperto


Registrato: 05/08/06 11:04
Messaggi: 612
Residenza: Novara provincia

MessaggioInviato: Dom Ago 13, 2006 5:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sono andato a sgattare un po' nelle mie vecchie mail e sono riuscito a trovarne uno dei link, è riferito a impianti di depurazione per acquari ma che coprono bene anche le esigenze di noi bonsaisti. Questo link è in particolare di un modello ma ce ne sono anche altri con caratteristiche diverse. Secondo me questo potrebbe già essere sufficente.
Se lo trovo posto anche l'altro ma se ricordo bene c'erano differenze solo di prezzi e le caratteristiche erano più o meno le stesse, comunque questo link dovrebbe rendere l'idea e include anche uno schemino sul funzionamento Wink

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
Vai dove ti porta il cuore...
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
MarcoA
Site Admin


Registrato: 04/08/05 03:16
Messaggi: 1404
Residenza: Pordenone

MessaggioInviato: Lun Ago 14, 2006 11:47 am    Oggetto: Rispondi citando

In questa posizione esiste un topic per la discussione in proposito al calcare nelle acque:
-
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Cerchiamo per quanto possibile di discuterne li in modo da mantenere l'informazione ordinata nel forum.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Annaffiature Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Template zenGarden created by larme d'ange
Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Perm ICRA - Auto ICRA

Page generation time: 0.459